Archivi tag: famiglie di napoli

Speramm ca ‘o Patatern ce fa sta’ buon

Oggi ho conosciuto Carmela: la signora Carmela, visto che forse ha sessant’anni. Non è stata lei a dirmi il suo nome, ma un’altra signora a un metro da lei, in fila come lei, come altre signore fuori al Banco dei pegni: volti nascosti da mascherine bianche, verdi, nere.
Le ho chiesto l’orario di chiusura del Banco dei pegni – Fino ‘e sei, ma a volte fa chiù tardi – ha risposto lei.
Non dovevo pignorare nulla, non ho niente da dare in pegno, ho solo libri. In quel momento ne avevo uno proprio fra le mani, un libro a lungo desiderato e che non volevo acquistare presso la grande distribuzione, né tanto meno su Amazon.
Nel vedere quelle donne mi sono sentito in colpa per averlo comprato.
Valutano bene l’oro? – le ho chiesto. Lei mi ha guardato sospettosa, poi ha osservato il libro ed è sembrata tranquillizzarsi.
Nun ‘o saccio – ha risposto – Io tengo ‘na collana che era ‘e mammem, spero e ce fa almeno ‘na semmana.
Avrei voluto piangere. Avevo in mano un libro da venticinque euro, un sacrificio, sì, perché tolti i soldi dell’affitto e delle bollette mi resteranno sì e no centocinquanta euro per campare un intero mese, ma il candore di quella donna minuta nel confessarmi il suo sacrificio mi ha fatto sentire un vile per aver speso quei soldi.
Io ho una collana del battesimo – ho mentito. Lei mi ha scrutato dalla testa ai piedi, infine ha fissato gli occhi sul mio libro.
Te vinn l’oro e poi t’accatt ‘e libri? – ha chiesto. Io non ho risposto. Non sapevo che dire, ero confuso.
Prima che aprissi bocca la signora dinnanzi a lei l’ha chiamata per nome: Carme’, muovete ca poi trasimmo nuje.
Ho salutato la signora Carmela, lei mi ha salutato a sua volta: Bonasera, giuvinò. E accattete ‘o magna’ invece dei libri, ca sije sicco sicco. E speramm ca ‘o Patatern ce fa sta’ buon.
L’ho salutata di nuovo e sono andato via. Non so se il Padreterno ci farà star bene, so soltanto che per colpa di questa situazione le persone stanno vendendo i propri ricordi, il proprio cuore.

O saje che ce vo’ pe da’ a magna’ a tre criature?

Giovanna vive a Forcella. Ha ventisei anni e ha tre bambini: il più grande ha sette anni, la femminuccia ne ha cinque, poi c’è quella di un anno, quella che tiene in braccio mentre, la mascherina che le penzola sul doppio mento, ferma davanti a un banchetto di legno chiacchierava con una signora prima che io arrivassi a comprare un pacchetto di sigarette, solo per avere una scusa per parlarle.

No, non sono un giornalista. Non azzarda neanche a chiedermi se sono uno sbirro, dall’espressione che ha fatto per un attimo lo ha pensato di certo, ma di sicuro si è ricreduta.

Sono uno scrittore, le dico. E lei mi guarda perplessa. Sembra stia cercando di scrutare nei miei tratti cosa sia mai questa mitologica figura dello scrittore.

Sì, ha visto il servizio de Le Iene. Dicono sul strunzat – dice Giovanna – Chell a camorr mo’ ten bisogno ‘e da’ a magna’ a nuje!

La contrabbandiera, una vecchia minuta, non parla, dallo sguardo sembra condividere le parole di Giovanna.

Chell quann fernesce tutt cose – riprende, senza curarsi neppure dei ragazzini sui motorini, fermi fuori a una scuola a guardarci – chilli la’ ‘e sold e tennen, che se ne fotten! Comm chilli chiavichi dei politici.

Mi dice che suo marito ha pure fatto i mercati in Germania. Adesso che tutto è fermo cerca di arrangiarsi. Ha il reddito, sì, ma O saje che ce vo’ pe da’ a magna’ a tre criature?

No, non lo so, Giovanna ha ragione.